Semola rimacinata di grano duro e rosmarino

Per me alcune ricette hanno il sapore dell’infanzia.
Delle domeniche dai nonni materni, a Castelvetrano, attorno alle cassatelle di ricotta comprate da mio nonno per l’occasione.
Del pane nero “cunzato” che ci attendeva in campagna dopo una mattinata di mare a Triscina.
Delle meline verdi, acidule e croccanti, che raccoglievamo nel giardino davanti alla casa di campagna dei miei nonni materni, tra una corsa in bici e un’altra, in giro per il quartiere, alle porte di Castelvetrano.
Dello sfincione e delle panelle senza prezzemolo divorate a Scopello dopo un’assolata giornata allo Zingaro.
Delle “gite” al miglior forno, per me, di Castelvetrano, dove anni fa scoprimmo che le farine migliori mai provate venivano macinate giusto giusto a qualche chilometro di lontananza dalla casa di paese dei miei nonni.
Quei sapori continuo a portarli qui a Palermo.
E piano piano li faccio entrare nel blog.
Soprattutto questa settimana.
In attesa di una risposta importante.
E tra una vasca in piscina, un ripasso di francese e inglese, una ricerca tra i miei libri di cucina, vi passo un’altra ricetta.
E la indirizzo in particolare a Vatinee, per un buon blog-compleanno ^_^!

FOCACCIA DI SEMOLA RIMACINATA DI GRANO DURO,
ROSMARINO E PATATE
ispirata alla ricetta della Pizza bianca romana al rosmarino

Per il lievitino:
400 g di farina 0
25 g di lievito di birra
200 ml di acqua
Per l’impasto
700 g di farina 1
400 g di acqua (250 ml)
200 g di lievito madre o 20 g di lievito compresso (2 cucchiai abbondanti di lievitino -di seguito la ricetta)
30 g di olio extravergine di oliva (4 cucchiai)
15 g di sale (2 cucchiai)
500 g di semola rimacinata di grano duro
300 g di farina 0
200 g di farina 0 Manitoba
200 g di patate, cotte a vapore e tagliate a cubetti
2 cucchiai di zucchero
Per la salamoia
80 g di acqua
80 g di olio extravergine di oliva
15 di rosmarino
7 g di sale

Mettete il rosmarino a macerare nell’olio.

Per il lievitino, in una ciotola sciogliete il lievito con un po’ d’acqua tiepida; aggiungete poi la farina e impastate velocemente per ottenere un panetto.
Quando il panetto avrà raddoppiato di volume, nella ciotola dell’impastatrice o del mixer (oppure lavorate a mano ;)) versate l’acqua, l’olio, le varie farine, il sale, lo zucchero, le patate e 2 cucchiai abbondanti panetto (la parte rimanente la utilizzo per un altro impasto). Impastate (quando la farina è di rimacinato o integrale o simili, aziono la macchina alla velocità minima; solo verso la fine impasto a velocità 1; altrimenti seguite il vostro libretto d’istruzione ;)) fino ad ottenere un composto elastico e morbido. Se la pasta non dovesse essere sufficientemente morbida, aggiungete tanta acqua quanto basta (ma nel mio caso i liquidi sono stati più che sufficienti).
Coprite l’impasto con uno strofinaccio bagnato al centro con acqua calda e con una coperta di lana e fatelo lievitare finché non avrà raddoppiato di volume (oppure in forno pre-riscaldato, spento e con la luce accesa, se la cucina non dovesse essere abbastanza riscaldata, come mi è successo il 31 dicembre, quando a Palermo ha nevicato). Io non faccio mai attenzione ai tempi di lievitazione, ma se siete curiosi fatemelo sapere e la prossima volta segnerò tutto ;)!
Preparate la salamoia emulsionando l’olio con il rosmarino, l’acqua e il sale.
Quindi, lavorate la pasta lievitata dividendola in due focacce, una piccola e una “formato famiglia”, come la definisco io :P!
Sulla focaccia grande, stesa su una grande teglia, abbondantemente unta di olio, versate qualche cucchiaio di salamoia, distribuendo la salamoia in modo omogeneo.
La focaccia piccola, invece, è stata interamente ricoperta dalla salamoia, distribuendola in modo omogeneo, come suggerisce la ricetta originale.
Ma fate attenzione al vostro forno, come suggerisce Alessandra. Per questo io ho fatto due focacce, per sperimentare.
Coprite le focacce con uno strofinaccio e con una coperta di lana e fatele lievitare finché non avranno raddoppiato di volume.
Cuocetele in forno preriscaldato e ventilato a 230° per 10 minuti; abbassate poi la temperatura a 190° e fate cuocere altri 15-20 minuti.
Una volta cotte, potete anche surgelare la focaccia, possibilmente divisa in pezzi, così potete mangiarla quando e con quello che preferite ;)!

Dopo aver pubblicato la ricetta della torta di grano saraceno, anche con questo post partecipo al Giveaway di Vaty: Food & Travel per la sezione Food




A presto ;)!

(Visited 56 times, 1 visits today)

4 Responses to Semola rimacinata di grano duro e rosmarino

  1. lu pani cunzatu…uh che buono!!! ti capisco a 360°! gran bel pane, brava! un abbraccio

  2. Vaty ♪ says:

    le ricette con sapori di infanzia sono quelle più belle da rifare ma anche da leggere..
    grazie per la condivisione cara giuliana <3
    inserita 🙂

  3. edvige says:

    Super veramente grazie prendo nota. Buona fine settimana

  4. Giuliana, finalmente riusciamo ad approdare anche noi qui 🙂 purtroppo lavoro e scuola ci tolgono tempo, ma siamo felici di riuscire a ritagliarci dei piccoli momenti tutti per noi. Parli di sapori di infanzia e io, che ancora adulta non sono, non posso non pensare al pane cunsatu che, dopo anni, ho imparato a mangiare a Scopello (scartando acciughe e olive, da brava bimba!)…o la brioche con tuppo e granita messinese da Irrera, che per me è imbattibile…e ancora brioche e gelato, un vizio al quale non so rinunciare.
    Grazie per questi scorci di passato; grazie anche per questa bellissima focaccia, così alta, soffice, profumata di rosmarino…non so resistere.
    A presto, Marta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *